Menu
Carrello 0

Tesina o mappa concettuale: come prepararsi per l'esame orale di terza media

Bancolibri Staff

L’esame di terza media si avvicina ed è tempo di pensare alla tesina.  Per rendere meno faticoso questo momento di studio scegli un argomento per il quale hai un reale interesse.  Una volta individuato l’oggetto centrale e trovati i collegamenti con tutte le materie bisogna pensare a come elaborare la tesina.

L’introduzione è fondamentale: è necessario focalizzarsi sull’ argomento, spiegare brevemente cosa si sta per esporre in modo da catturare fin da subito l’interesse della commissione. È importante ricordare che l'introduzione non è un riassunto della tesina, ma deve spiegare le ragioni e le motivazioni che hanno portato alla scelta del tema, quali materie verranno esposte (nei limiti del possibile cerca di trovare un collegamento con tutte le materie in modo da “accontentare” tutti i professori), quali argomenti tratterai, la loro inerenza con il tema principale e quali sono i collegamenti tra loro.

Dopo aver introdotto l’argomento di discussione e aver attirato l’attenzione dei professori è il momento di esporre il tuo lavoro, sarai tu a poter decidere l’ordine di esposizione delle materie. La sicurezza e proprietà di linguaggio in questo momento dell’esame giocano un ruolo fondamentale: più ti mostrerai sicuro e spigliato e meno occasioni avranno i professori di interromperti e farti quindi delle domande.

Come può essere presentata la tesina? Anche qui hai libera scelta: puoi fare la classica tesina cartacea (magari abbellendola con qualche foto inerente con gli argomenti che tratti) oppure optare per una presentazione multimediale con l’ausilio di Power Point. Fare una tesina multimediale su Power Point non è affatto complicato, BANCOLIBRI ti da tutti i consigli per preparare una presentazione multimediale da 10 e lode. Per iniziare crea una cartella dove raccogliere tutto il materiale che vorrai utilizzare nella tua tesina: testi, foto, suoni, video ecc.. Al momento della realizzazione delle diapositive aiutati utilizzando gli schemi offerti dal programma: una slide per il titolo e (eventuale) sottotitolo, una slide che funga da indice e dopo di che le slide corrispondenti ai punti dell’indice.
Per un’ ottima presentazione power point è importante che il linguaggio sia sintetico e accattivante, evitando il più possibile aggettivi e avverbi e puntando su titoli con frasi ad effetto o domande retoriche. Imposta il testo con liste puntate o numerate, frecce o altri simboli per esprimere relazioni e nessi e arricchisci il tutto con immagini e suoni, grafiche e tabelle che esprimono i dati, combinazioni cromatiche e presentazioni dinamiche.

Sperando che questi consigli ti saranno utili ti auguriamo un in bocca al lupo!


Condividi post



← Vecchi post Nuovi post →


Lasci un commento